sabato 13 settembre 2014

La forza del destino





Mecano - La forza del destino

Ci siamo visti qualche volta
per tutta la città
ma finalmente al bar dell'Oro
ti chiesi «come va»

Tu rispondesti «non c'è male»
e tutto s'ingarbugliò
«quanti anni hai» «ne ho diciannove»
e un altro giorno passò

E in macchina ti ho messo in moto
l'amico l'amica io e te
ti ho detto «bella dammi un bacio»
mi hai risposto di no

Comincia male io che pensavo
«questa poi ci sta»

Cosi la notte fu un disastro
non chiesi niente più
con questo paio di bigotte
anche il morale va giù

Però la forza del destino
ci mise insieme lì
sotto quel palco ad un concerto
e quindi non finì

Con quella faccia così strana
un dente qui l'altro più in là
quel corpicino da bambina
che ti promette e non ti dà

Ma il cuore è quello che mi basta e che poi mi va

E in macchina ti ho messo in moto
l'amico l'amica io e te
ti ho detto «bella dammi un bacio»
mi hai ridetto di no

Continua male io che pensavo
«questa ci starà»

Ed è da allora fino ad ora
che il gioco continuò
e il tempo ci riunì giocando
ma poi ci separò

Però la forza del destino
lei non si ferma mai
quando l'inverno sarà freddo
da me ritornerai, da me ritornerai, da me ritornerai 






martedì 9 settembre 2014

Figlio della luna





Mecano - Figlio della luna

Per chi non fraintenda
narra la leggenda
di quella gitana
che pregò la luna
bianca ed alta nel ciel
mentre sorrideva
lei la supplicava
«fa che torni da me»
«tu riavrai quell'uomo
pelle scura
con il suo perdono
donna impura
però in cambio voglio
che il tuo primo figlio
venga a stare con me»
chi suo figlio immola
per non stare sola
non è degna di un re

Luna adesso sei madre
ma chi fece di te
una donna non c'è
dimmi luna d'argento
come lo cullerai
se le braccia non hai
figlio della luna

Nacque a primavera
un bambino
da quel padre scuro
come il fumo
con la pelle chiara
gli occhi di laguna
come un figlio di luna
«questo è un tradimento
lui non è mio figlio
ed io no, non lo voglio»

Luna adesso sei madre
ma chi fece di te
una donna non c'è
dimmi luna d'argento
come lo cullerai
se le braccia non hai
figlio della luna

II gitano folle
di dolore
colto proprio al centro
dell'onore
l'afferrò gridando
la baciò piangendo
poi la lama affondò
corse sopra al monte
col bambino in braccio
e lì lo abbandonò

Luna adesso sei madre
ma chi fece di te
una donna non c'è
dimmi luna d'argento
come lo cullerai
se le braccia non hai
figlio della luna

Se la luna piena
poi diviene
è perché il bambino
dorme bene
ma se sta piangendo
lei se lo trastulla
cala e poi si fa culla
ma se sta piangendo
lei se lo trastulla
cala e poi si fa culla






Cantanti

Lettori fissi

Visualizzazioni totali

Statistiche



Da dove ci visitate zoom